Estratto “Rassegna Stampa” Cnel del 29.11.23 (pag. 2-3) più Ns. commentino

Un incontro fiume, perché al tavolo della sala verde, convocato dalla premier Giorgia Meloni, ieri c’erano ben 9 sindacati e mezzo governo. Prendiamo la cronaca di Enrico Marro sul Corriere della Sera. Ma tutto è andato come previsto: la presidente del Consiglio ha confermato che disinnescherà la mina posta con l’articolo 33 della legge di Bilancio sotto le pensioni dei medici e di altre categorie del pubblico impiego. Per il resto, Meloni ha difeso la manovra «a sostegno di lavoratori e famiglie»; Cgil e Uil hanno ribadito la bocciatura delle misure prese dal governo, contro le quali stanno scioperando; sulla stessa linea i sindacati di base, mentre la Cisl, l’Ugl e le altre sigle hanno espresso giudizi articolati. Le modifiche all’articolo 33, che secondo le categorie interessate, determinerebbero perdite sulle future pensioni tra il 5 e il 25%, arriveranno con il maxiemendamento che il governo presenterà forse la prossima settimana in Senato. Secondo quanto anticipato da Meloni, i tagli saranno completamente cancellati per tutti i lavoratori delle quattro casse interessate che andranno in pensione di vecchiaia, cioè a 67 anni d’età. Resteranno invece per chi lascerà il lavoro in anticipo, ma, solo per i sanitari, con un alleggerimento graduale. In sostanza, per i camici bianchi il taglio della pensione sarà via via più piccolo quanto più il lavoratore che si ritira sarà vicino ai 67 anni e viceversa. Meloni ha ribadito che «non ci sarà alcuna penalizzazione per chi raggiunge al 31 dicembre 2023 i requisiti attualmente previsti» per la pensione. I segretari di Cgil e Uil, Maurizio Landini e Pierpaolo Bombardieri, confermano che gli scioperi andranno avanti perché il governo si sarebbe mostrato «insensibile» alle loro richieste di cambiare la manovra. Un leader della Cisl, Luigi Sbarra, che ha incassato l’attenzione della premier per «la partecipazione dei lavoratori alle imprese» (la Cisl ha presentato una proposta di legge di iniziativa popolare), parla invece di incontro «importante». Anche quello dell’Ugl, Paolo Capone, è soddisfatto per «l’opportunità di dialogo col governo», ma insiste sulla richiesta di arrivare a Quota 41…

… Estratto da Rassegna Stampa Cnel del 29.11.23

…inoltre, nella Sezione “Documenti”  (alla data del 27/11/23) pubblichiamo da: lavoroediritti.com  – articolo di Claudio Garau a titolo: “Pensioni minime 2023-2024: ecco di quanto aumentano fra dicembre e il nuovo anno”

Articolo «LA PENSIONE SLITTA DI 2 ANNI? INACCETTABILE» più Ns. commentino

articolo di Carlo Tarallo su La Verità di oggi 23.11.23

Medici e infermieri rifiutano la proposta della maggioranza di posticipare il congedo. Bottega (Nursind): «Le aziende avrebbero personale non più idoneo al lavoro». Di Silverio (Assomed): «Sciopero confermato». Il ministro Schillaci: «Non so cosa fare»

«Sicuramente verrà risolto. Adesso non so bene il come, ma sicuramente verrà risolto»: il ministro della Salute, Orazio Schillaci, candidamente ammette di non sapere come verrà sciolto il nodo del taglio delle pensioni per medici, infermieri, maestre, ufficiali giudiziari e dipendenti comunali che hanno iniziato a lavorare prima del 1996, previsto dalla legge di Bilancio. La Verità ha anticipato tutti nel segnalare questa norma, che diversi esponenti di governo hanno poi dichiarato di voler cambiare…. continua a leggere ⇒  Verita_23.11.23_pag_19

Commentino:

Ciàcole… solo ciàcole… ma qui ci vogliono i fatti per i pensionandi e per i pensionati. Arriveranno o no?

… Siamo pessimisti… dato l’andazzo generale di questo Paese.

Graffio di Leonida, 16 novembre 2023

ASPETTA E SPERA….!!!!!!

Nella sezione “Documenti” di questo sito, trovate l’articolo del Messaggero (del 16.11.23), relativo al resoconto del Congresso FederManager (CIDA) tenutosi ieri a Roma.

La Meloni è intervenuta tramite “Zoom” mentre sei ministri del Suo governo hanno fatto vari interventi, alcuni della durata di circa mezz’ora.

La sostanza è che nessuno dei ministri intervenuti, ha promesso significative modifiche al testo attuale del DDL relativo alla finanziaria per il 2024, eppure, nessuno dei presenti (sia come ascoltatori che come responsabili di FederManager) ha posto domande “serie e puntute” sul destino delle pensioni – attuali e future – dei Dirigenti pubblici e privati.

Nonostante la criticità del tema, l’ambiente era pieno di ossequi e genuflessioni……

Noi di APS-Leonida, continuiamo ad essere pessimisti, perché alcune “vocine” romane, stanno ripetendo che eventualmente il maxi emendamento finale, troverà circa 300 milioni per sedare la cosiddetta “rivolta” dei medici, somma che (Durigon dixit) potrebbe essere recuperata riducendo , ancora una volta, la percentuale di rivalutazione dal già basso 22% (previsto ora) ad un valore inferiore al 20%.

…. morale….

A partire da gennaio dovremo di nuovo riprendere azioni legali anche questa nuova legge di bilancio, compatibilmente con le Ns. risorse (che sono larghissimamente inferiori a quelle di FederManager e ManagerItalia) che restano sostanzialmente “passive”.

Pensioni, come cambiano gli importi con la rivalutazione 2024 (le tabelle)

di Simone Micocci, money.it – 11 novembre 2023

Nei prossimi giorni il ministero del Lavoro e delle Politiche sociali ufficializzerà il tasso di rivalutazione con cui le pensioni verranno aumentate e adeguate al costo della vita. Nel frattempo ad anticipare questo importante valore è Il Sole 24 Ore, che in esclusiva ha svelato che la variazione percentuale dell’indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati, senza tabacchi, come rilevata dall’Istat in via definitiva per i primi nove mesi del 2023 e stimata per l’ultimo trimestre, è pari al 5,4%.

… continua a leggere ⇒ Money_11.11.23_Pensioni-come cambiano gli importi con la rivalutazione 2024_tabelle

Nord, Centro e Sud: chi paga le tasse (e quanto)

Michaela Camilleri, 6/11/2023 – Centro Studi e Ricerche Itinerari Previdenziali

I dati ricavabili dalle dichiarazioni dei redditi ai fini IRPEF sembrano confermare l’immagine di un Paese in forte squilibrio territoriale, con un divario tra Nord, Sud e – in parte – Centro stabile nel tempo: una riprova di politiche a sostegno del Mezzogiorno scarsi e inefficaci?

Dai dati MEF e Agenzia delle Entrate rielaborati dal Centro Studi e Ricerche Itinerari Previdenziali all’interno della settima edizione del Rapporto La Regionalizzazione del Bilancio Previdenziale italiano” emerge un quadro chiaro relativo al versamento della più importante imposta diretta: il totale dei redditi prodotti nel 2021 e dichiarati nel 2022 ai fini IRPEF è ammontato a 894,162 miliardi, per un gettito IRPEF generato di 175,17 miliardi (157 per l’IRPEF ordinaria; 12,83 per l’addizionale regionale e 5,35 per l’addizionale comunale), in crescita rispetto ai 164,36 miliardi dell’anno precedente. I dichiaranti sono 41,497 milioni ma i versanti, vale a dire coloro che pagano almeno 1 euro di IRPEF, sono solo 31,366 milioni: ciò significa che a ogni contribuente corrispondono 1,427 abitanti.

… continua a leggere ⇒ ItinerariPrevidenziali_6.11.23_Nord Centro e Sud- chi paga le tasse

La mappa della previdenza italiana: il bilancio per singola regione

di Mara Guarino, 7/11/2023 da Centro Studi e Ricerche Itinerari Previdenziali

Solo 9 delle 20 Regioni italiane presentano entrate contributive e uscite per prestazioni vicine a quel rapporto del 75% che può dirsi rappresentativo di un sistema vicino all’equilibrio: bene il Centro trainato dal Lazio e il Nord, con la sola eccezione di Piemonte e Liguria; pesanti i disavanzi del Mezzogiorno, che richiederebbe più investimenti e meno assistenza.

In Italia si è sempre affrontato il tema del welfare (e vale lo stesso per politiche economiche o relative al mercato del lavoro) come se il nostro fosse un Paese omogeneo, con le stesse problematiche e opportunità, tanto che ogni volta che si è proceduto con riforme o interventi, ad esempio sul sistema pensionistico, lo si è fatto con un approccio identico su tutto il territorio. Uno scenario in realtà confutato dai dati e, in particolare, dal confronto tra le diverse macro aree condotto dal Centro Studi e Ricerche Itinerari Previdenziali; confronto che, come emerge anche dal Settimo Rapporto “La Regionalizzazione del Bilancio Previdenziali italiano” presentato il 7 novembre al CNEL, evidenzia in realtà pesanti disequilibri, soprattutto a sfavore delle Regioni meridionali…

… continua a leggere ⇒ ItinerariPrevidenziali_Una mappa della previdenza italiana

Articolo del prof. Brambilla su corriere.it più nostro “commentino”

Corriere.it_07.11.2023_articolo di Brambilla

Ns. “commentino”

Per l’ennesima volta dobbiamo congratularci con Alberto Brambilla (articolo odierno su ilcorriere.it) per l’accuratezza e la competenza con cui affronta l’ennesima sforbiciata, inferta dal governo di turno alle pensioni. Quelle in essere e quelle future.

Dalla Fornero in poi (tranne l’anno di Draghi) i governi di sinistra (prima) e di destra (ora) si sono divertiti a danneggiare i pensionati, non solo non garantendone la protezione dall’inflazione ma addirittura andando a ledere i contributi legati al periodo retributivo (ante 1° Dic 1996).

Sbigottisce che la Meloni (brava ma circondata da molti emeriti incapaci, come insegna anche la recente burla russa ai suoi danni) non abbia voluto nel suo staff un tizio come Brambilla, che certe cose gliele avrebbe spiegate.

E, così, Brambilla fa’ la nostra fine: racconta con puntiglio il danno fatto a pensionati a pensionandi (danno recente: 2023-2024; danno futuro: 2025-2032; svalutazione inflattiva biennale e poliennale; lesione dei diritti acquisiti, incostituzionalità etc. etc.).

Non ci meravigliamo più di quel Salvini che fa battaglie senza senso soprattutto quota 103, non solo il ponte sullo stretto, in un’Italia travolta dal fango….

Non ci meravigliamo di Forza Italia, in cui riecheggia ancora il flatus di Berlusconi “pensioni minime a 1000 euro”. A chi? A chi in 40 anni di vita non ha mai lavorato in bianco?

Continuiamo a domandarci la ratio di tutto ciò.

Bastonare sempre e comunque quel ceto medio che lavora per 40 anni e oltre, paga tasse senza evadere, china il capo, vota centro-destra per il 43% dei votanti e viene tradito da “quel sentimento comunistoide” (una volta si sarebbe definito clerico-marxista) che, per proteggere i presunti deboli, toglie il dovuto a chi ha una pensione 4 volte superiore al minimo INPS, con tagli via più crescenti.

Su questo, destra e sinistra si toccano. Comunità di Sant’Egidio, Caritas, ONG varie… i soldi per l’assistenza non bastano mai. E dove si pesca? Dalla Previdenza, dalle pensioni medie, medio-alte, alte (ma chi le definisce cosi?), taglieggiate nel biennio 2023-24 del 15%, come ciliegina sulla torta rispetto ai danni creati dalla Fornero capostipite.

Giorgetti non è certo un uomo di destra; Giorgetti scrive su dettatura dei suoi funzionari ministeriali. Nonostante i furti ai pensionati il debito pubblico 2014 aumenterà di almeno 14 miliardi! Spesi male, ancora una volta in mille rivoli, che non aumenteranno il PIL 2024.

Cosa fare? La Meloni chiami Brambilla gli affidi la gestione dell’INPS (istituto nazionale previdenza sociale non assistenza sociale), gli imponga la separazione tra assistenza e previdenza e faccia chiarezza sulla spesa pensionistica vera, anche all’Europa!

Se no lo farà, farà la fine di RENZI e non durerà 5 anni. I PENSIONATI SANNO QUANTO HANNO IN TASCA e SANNO CHI HA MESSO LE MANI nelle LORO TASCHE !!!

Non mi costa lanciare un’idea ! Negli anno settanta, per un certo periodo, Noi medici ospedalieri siamo stati pagati con assegni postdatati.

Ecco! Meloni, “se ci toglie denari mese dopo mese, almeno ce li trasformi in BOT, CCT, crediti Depositi-Prestiti… Trasformi un furto in un risparmio obbligato….!”

Se non lo farà, continueremo a consideralo un FURTO! E tale lo giudicherà anche la magistratura, alla buon’ora!

Stefano Biasioli

(Lenin) – 07/11/23