POCA DEMOCRAZIA IN ITALIA? CHI VIENE IN PIAZZA A TUTELARE I VENETI?

Sabato 19 gennaio, su Rete Veneta,  il Direttore Bacialli si chiedeva: ……..” ma per quanto tempo i veneti sopporteranno? Per quanto tempo i veneti accetteranno di essere presi per i fondelli…?

Ovviamente, faceva riferimento ai  2 milioni di voti veneti favorevoli all’autonomia veneta e al fatto che sono passati 2 anni e due governi, senza che sia stato fatto un solo passo in avanti rispetto a questo essenziale aspetto.

” Veneto mona…Veneto imbriagon….Veneto che lavora e basta….”.

Stamattina ho riflettuto e adesso scrivo.

Sono Stefano Biasioli, medico in pensione, sindacalista medico in pensione, pastPresident CONFEDIR (una confederazione della dirigenza pubblica, confederazione autonoma, con bilanci piccoli e trasparenti).

Sono anche  il Segretario dell’APS LEONIDA, una associazione a tutela dei pensionati, contro i tagli pensionistici fatti dai vari governi, dal 2008 al 2023 (sic!, 2023).

Sono un noto rompiscatole e non mi piacciono le cose storte, anche se – per esperienza sindacale – so quanto sia difficile combattere contro la politica strutturata. Quando rompo le scatole, mi firmo LENIN e, ora, scrivo da LENIN.

ITALIA: REPUBBLICA TRUFFALDINA o DEMOCRATICA ?

Solo i Veneti, oggi, si ricordano che il Veneto non ha aderito al Regno d’Italia nel 1861, come gli altri. No, il Veneto è entrato nel Regno d’Italia nel 1866, dopo un “referendum truccato”, controllato dai soldati piemontesi.

I più vecchi, come me, ricordano quanto si sia discusso, allora, se il Referendum monarchia/repubblica sia stato un referendum “corretto o pilotato”.

Ma i veneti dovrebbero ricordarsi quanti milioni di voti veneti, dati alla DC,  abbiano portato a Roma decine di deputati e Senatori DC che poco hanno fatto per il Veneto e per i veneti. Eccezioni? Forse Rumor, non certo Trabucchi…. E quanti voti,  nei tempi recenti, sono andati a Forza Italia, dal Veneto ?

Per ottenere cosa? Una ferrovia lentissima tra Padova e Bologna; una autostrada a 2 corsie tra Padova e Bologna; nessuna superstrada-autostrada tra Forlì  e Venezia…. Una tangenziale a Venezia, ma nessuna tangenziale a Vicenza. Una autostrada che si ferma 15 km prima di Belluno, con una viabilità verso Cortina che fa schifo.

Una sanità veneta che soffre per assenza di medici, infermieri, tecnici; che soffre per assenza di programmazione; che soffre per le patologie emergenti da PFAS-PFOA etc.

Per l’assenza di una rete poliambulatoriale diffusa; per l’assenza di un sistema strutturato di trasporto per i malati cronici; per il mancato cordinamento dei CUP provinciali; per l’assenza di una tessera sanitaria individuale con microchip.

“Sanità veneta….PRIMA IN ITALIA “…dice orgogliosamente Zaia. È così sulla carta (grazie a una commissione “misteriosa” di burocrati e a 33 parametri che non riflettono la realtà). MA la REALTÀ È FATTA di PRONTO-SOCCORSI INTASATI, di carenza di letti e di attività riabilitativa, di vecchi “isolati”. Di medici e infermieri che “si tirano il collo” per rispondere adeguatamente alla domanda sanitaria.

DA ULTIMO, LA BUFALA DEGLI EFFETTI DEL  REFERENDUM SULLA AUTONOMIA.

Sono passati 27 mesi e l’autonomia veneta non ha fatto un passo in avanti. Zaia può dire quello che vuole ma i fatti sono li, come pietre.

NESSUN RISULTATO, qualunque sia il governo, qualunque sia il numero dei deputati e senatori veneti presenti in parlamento.

Non ci sono dubbi, Salvini ( non più Liga veneta—>Lega veneta—> Lega ma Lega Salvini premier…) ha messo il silenziatore a Zaia.

Il ministro Boccia ci prende in giro, come se i veneti non si fossero già espressi. Come se il Prof. Mario Bertolissi fosse un Di Maio qualunque e non invece un costituzionalista d’eccellenza.

Speranze dalla Corte Costituzionale? Nessuna, dopo la sentenza dell’altro ieri, sul quesito relativo alla modifica del sistema di voto.

Il PD (che tradisce il maggioritario a favore del proporzionale grillino) e i 5S vogliono il proporzionale, per tornare alla prima repubblica e al potere di interdizione dei partitini, incluso il nuovo partito islamico.

Per chi voteremo, alle regionali di primavera? Quando voteremo, a livello nazionale? Ci sarà  un ennesimo presidente della repubblica nominato dalla sinistra, quando il 50% del paese è migrato a destra? 

La magistratura – in assenza di una classe politica adeguata – continuerà a svolgere una azione di supplenza, ossia  a fare politica (dopo Craxi, Berlusconi, Andreotti, tocca ora a Salvini…), con sentenze che: favoriscono la immigrazione senza regole; favoriscono i campi di concentramento al sud; imbrigliano le forze dell’ordine; consentono le lungaggini infinite dei processi;  consentono il taglio delle pensioni a chi ha lavorato e versato contributi, per regalarli a gente che non ha lavorato (potuto o voluto), ossia distraendo fondi INPS dalla previdenza per regalarli all’assistenza….etc etc.

Da MEDICO DICO. Perché un “primario” (ora Direttore di Unità  operativa complessa!) ha la responsabilità di chiudere il ricovero di un paziente, mettendo la firma finale entro un tempo “ristretto” e invece i magistrati non sono tenuti ad alcuna tempistica sui fascicoli “aperti” e non subiscono danni se restano inerti, passivi, inconcludenti ? Ah, un referendum su questi aspetti è rimasto inapplicato! A proposito di democrazia.

Alla faccia della Costituzione, tanto esaltata quanto disapplicata.

E I VENETI ?

I veneti resteranno sempre in cantina, al buio, se non si muoveranno….come in Catalogna.

Ma muoveranno i sederi dalle comode poltrone e verranno in piazza per GRIDARE CHE VOGLIONO ESSERE AUTONOMI ?

Non Vi chiedo di fare “le sardine” o i “pesci in barile” ma VI CHIEDO DI MUOVERVI !!!!!

Siete disposti a venire in piazza, senza sponsor e con costi vostri ?

Se si, fatecelo sapere….su twitter e con ogni mezzo disponibile.

LENIN

GOVERNO PASTICCIONE (per non usare parolacce)

Abbiamo scritto più volte che valuteremo la legge di bilancio solo dopo che sia stata approvata dal Parlamento.

Non possiamo però tacere sul MES, una specie di “oggetto misterioso” (ricordate la trasmissione di Tortora?), maneggiato incautamente da Conte in sede europea e mai votato (positivamente o negativamente) dal nostro Parlamento.

Conte 1 e Conte 2 si confermano Giani Bifronti, capaci prima di sfruttare i 5 stelle e poi il PD disorientato e mal guidato.

Un giorno o l’altro conosceremo la verità. Per ora ci limitiamo a prendere atto che:

  1. La carriera universitaria di Conte è stata pesantemente condizionata dal suo “padrino” Alpa, alla faccia del conflitto di interessi e di un minimo di etica;
  2. che il PD, contrario al MES finché era all’opposizione, è diventato pesantemente favorevole allo stesso, ora che è in auge il Governo giallo-rosso;
  3. che Renzi è diventato un ottimo imbonitore di se stesso, capace di passare da una denuncia dei redditi di 30 o 40.000 euro ad una superiore ad un milione di euro, date le sue doti di conferenziere.

Il tempo dirà se queste 3 notiziole erano vere o erano false.

Nell’Italia di oggi tutto è possibile….. per questo ci tocca rimpiangere i tempi di De Gasperi e financo quelli della vecchia DC.

A QUESTO SIAMO RIDOTTI !!!!

 

PENSIERI IN LIBERTÀ di “Uno del 1942”

Caro Direttore,

sono un medico in pensione, un Capricorno del 1942 (25/12/1942) che non ha mai voluto tessere partitiche ma che ha  fatto politica sindacale a favore dei medici ospedalieri, sempre fuori dal coro e sempre dall’altra parte rispetto a quelli della Triplice.

Dopo tutta questa acqua ho cominciato a pensare. I giornaloni sono pieni di ILVA, di Mose, di acqua alta a Venezia, di antisemitismo (vero o presunto). Benone….ma Qualcuno è stato capace di qualche pensiero autonomo ?

1) MOSE – 78 paratie 78 contro l’acqua alta. Lavori completati per il 93%, costo (finora) superiore a 6 miliardi di euro. Idea partorita nel 1984; progettazione del 1994; lavori pluridecennali; tangenti, scandali….opera incompleta nel 2019. Ma, prima dell’acqua alta, non si potevano alzare almeno 72 paratie (78% del totale) per cercare di contenere i danni ? Perché non lo si è fatto ? Per paura di dimostrare che il Mose non funziona e non può funzionare? E chi avrebbe potuto prendere l’iniziativa ? Certamente né Zaia né Brugnaro, perché trattasi di OPERA DI INTERESSE NAZIONALE….

2) I DANNI PRODOTTI DALL’ACQUA ALTA…. – L’acqua alta non ha solo danneggiato la bellezza di San Marco e delle Procuratie, ma ha fatto danni incalcolabili da Venezia fino alla Sacca di Scardovari. Negozi e attività commerciali in ginocchio, danni incalcolabili. E Conte e C. hanno promesso di far arrivare solo 20 milioni di euro.

Un pensiero per i pescatori della Sacca di Scardovari che hanno visto distruggere dall’acqua più di cento CASETTE da PESCA, con un danno complessivo di circa 5 milioni di euro, cui vanno aggiunti i mesi di inattività pescatoria.

3) ZAIA CHE FA ? – MI chiedo perché la Regione Veneto non abbia attivato un FONDO di RACCOLTAper tamponare questa catastrofe. Sono convinto che i veneti risponderebbero con generosità, ben prima dell’arrivo dei fantomatici denari governativi.

4) ILVA – Ma Qualcuno mi spiegherà perché la Procura di Milano abbia aperto un fascicolo sull’ILVA di Taranto ? Forse che Taranto fa parte della Lombardia ? Una azione di questo tipo quanto costerà alla collettività italiana, se ingiustificata nella sostanza ?

5) MAGISTRATI e MEDICI – Un medico che sbaglia per “imperizia, dolo o colpa grave” viene additato al pubblico ludibrio e paga. Solo i magistrati sono esenti da colpe, anche se sbagliano. E (sono esseri umani) sbagliano spesso. Ma i magistrati che sbagliano sono come gli arbitri che sbagliano : i loro errori sono coperti dalla consorteria, Mai sentito un magistrato che ammetta di “essersi sbagliato”. Mai.

6) SINISTRE e ISRAELE/israeliani/Shoa –  Da quando sono maggiorenne, ho ricordi vivissimi di una sinistra filo-palestinese e anti-israeliana. Di una sinistra che considerava “razzista” il popolo israeliano, l’invasore illegittimo della Palestina. Adesso cosa devo vedere ? Che gli amici di Arafat e C. considerano i sovranisti dei soggetti razzisti ed anti-israeliani?

Sono abbastanza vecchio da aver visto come la sinistra abbia trattato i poveri profughi istriani, come per decenni abbia nascosto la triste verità delle FOIBE; ho ancora abbastanza memoria da aver visto manifesti contro gli istriani nella “civile Torino della Appendino”. Manifesti passati ” in cavalleria”…

7) AUTONOMIA VENETA – Due anni dopo il plebiscito veneto a favore dell’autonomia veneta, non si è fatto un solo passo in  avanti. La musica non è cambiata, passando dal Conte 1 al Conte 2.

E invece. Invece se ci fosse stata l’autonomia, NOI VENETI AVREMMO AFFRONTATO DA SOLO LA RICOSTRUZIONE DOPO IL DILUVIO di questi giorni. Senza dover aspettare la “mano pelosa” di questo governicchio. Governicchio perché peggiore di quello Tambroni.

8) TAGLI AI PENSIONATI – La Triplice ha portato in piazza 60.000 pensionati, in “difesa” delle loro pensioni. Li ha portati in piazza tardi, perché la legge 145/2018 (Finanziaria del 2019) è stata varata dal governo Conte 1 ben 11 mesi fa e ha fatto danni dall’1/1/19. Protesta inutile.

Noi, del FORUM PENSIONATI d’ITALIA e dell’APS-LEONIDA siamo stati più concreti. Abbiamo raccolto migliaia di firme/documenti contro i tagli e abbiamo attivato decine di Corti dei Conti regionali e molti Tribunali civili, chiedendo ai giudici di rimettere le cose a posto, perché  si trattava e si tratta  di “tagli incostituzionali”. Ci sarà pure un giudice equo, a Roma o a Strasburgo !

E mi fermo qua.

Stefano Biasioli

medico in pensione

segretario APS-LEONIDA.

Ci hanno pensato tutta la notte ! …. Poverini….

In attesa di conoscere il testo definitivo del NADEF, quello con i “numerini” di entrata e di uscita, articolato per singole voci, ci limitiamo a esprimere il Nostro parere sintetico sulla manovra economica di questo governo comunista al cubo.

Si tratta di una manovra di 32 MLD circa, largamente in deficit, perché sovrastima le entrate (presuppone circa 7 MLD di recupero dall’evasione fiscale e un paio di miliardi per vendita di patrimonio pubblico) e sottostima le uscite, come se non dovessero essere rinnovati i contratti pubblici  e non dovesse essere data una scossa all’economia.

Ancora una volta si tratterà di un “furto programmato” a danno dei soliti “noti”:

  1. i pensionati, che – se nella fascia dai 1500 ai 2000 euro/lordi/mese, otterranno un “regalo” di 6 euro lordi/anno ossia 4 euro netti. Nel frattempo costoro saranno colpiti (come i lavoratori attivi) da una riduzione delle esenzioni parziali  e totali e da un aumento delle accise.
  2. I commercianti ed i professionisti con partita IVA che si vedranno caricati di nuove incombenze che aumenteranno i loro costi e li faranno diventare “attori tributari” con beneficio delle banche (carte di credito) e del fisco.
  3. Tutti gli Italiani onesti, ai quali non si vuole applicare un meccanismo di contrasto di interessi e di riduzione dell’aliquota fiscale principale:
  4. in definitiva si tratta di una manovra definibile come “esproprio proletario” a danno dei soliti noti, pensionati in primis. Nonostante ciò siamo convinti che gli Italiani si limiteranno a borbottare o fianco a fare gorgorigmi.

Noi dell’APS-Leonida e del Forum Pensionati d’Italia abbiamo già fatto una prima mossa – attivando migliaia di ricorsi contro la Legge 145/2018 (finanziaria 2019).

COSA CI ASPETTIAMO DALLE NOSTRE AZIONI ?…

…CHE ALCUNE CORTI dei CONTI e ALCUNI TRIBUNALI CIVILI …. CI DIANO RAGIONE E RINVIINO IL PROBLEMA DEGLI ESPROPRI PENSIONISTICI ALLA CORTE COSTITUZIONALE.

CI SARÀ PURE UN GIUDICE EQUO IN PIAZZA DEL QUIRINALE, 41  (RM)

….pissi pissi … bau bau… le solite “voci di corridoio” ci hanno sussurrato che la Corte dei Conti di Trieste abbia accolto il ricorso presentato dal Prof. Luciani, rimettendolo alla Corte Costituzionale…..

E UNO !

Alleghiamo articoli di oggiLaVerità_16.10.19  –   Libero_16.10.19

Tutta la manovra (in pillole) di M5s-Pd-Leu-Iv. I numeri di Conte e Gualtieri

CHE COSA FARÀ IL GOVERNO CONTE 2 ?

Un governo a tutti i costi. L’intervento di Michele Poerio, segretario generale Confedir e presidente nazionale Federspev  –  Il 4/09 è nato il Governo Conte 2, con il Premier incaricato che ha sciolto la riserva ed ha presentato la lista dei Ministri, che hanno quindi giurato il 5/09 nelle mani del Capo dello Stato. Ora l’Esecutivo è atteso il 9/09 alla Camera ed il 10/09 in Senato per il voto di fiducia…. continua a leggere QUI

PENSIONI, a maggio trattenute sull’assegno: l’INPS invia la lettera che lo conferma

Nuove percentuali per la rivalutazione delle pensioni: da aprile 2019 scatta il conguaglio. L’Inps sta per inviare una lettera a tutti i pensionati interessati annunciando trattenute sull’assegno di maggio.

Nella pensione di maggio potrebbe esserci una spiacevole sorpresa: molti pensionati, per effetto della nuova rivalutazione delle pensioni prevista dall’ultima Legge di Bilancio, rischiano di dover restituire una parte dell’assegno accreditato in questi ultimi mesi.

Si tratta, a seconda della fascia pensionistica, o di qualche decina  di euro o  centinaia di euro (specie per le pensioni più elevate, colpite sia dalla mancata rivalutazione che dal contributo di solidarietà).

È importante capire in anticipo il motivo di queste trattenute facendo chiarezza sui pensionati interessati.

A tal proposito l’Inps stessa sta per inviare delle lettere ai pensionati coinvolti, annunciando le trattenute sulla pensione di maggio. Nel dettaglio, l’Istituto comunicherà a circa un milione di pensionati l’entrata in vigore dei nuovi parametri per la rivalutazione delle pensioni, con un taglio cospicuo  per gli assegni di importo particolarmente elevato.

Vedi il testo completo nella Sez. “Documenti” del 11.3.19 di questo sito.

Commento “APS-Leonida” su Circolare INPS nr. 122 , 27.12.18 …

…(e pubblicata il 6.3.2019)…

COMMENTO APS-LEONIDA PER I DISATTENTI E PER GLI ILLUSI 07.03.2019

Questa è l’Italia dei No Tav, Si Tav e FORSE Tav.

Questa è l’Italia in cui l’Agenzia del farmaco (con il Ministero della Salute totalmente passivo) autorizza l’uso indiscriminato di un noto farmaco che blocca lo sviluppo sessuale degli adolescenti “desiderosi” (a 8-13 anni ! ) di cambiare sesso!

Questo è il paese che ostacola l’utilizzo degli anticoagulanti con minor complicanze ai soggetti a rischio di trombosi, tutti precettati all’uso di Sintrom-Coumadin e similari !

Questo è il paese in cui a fronte di una legge nazionale 145/2018 (art.1, c. 261-269) che taglia le pensioni per 3 anni (taglio alla rivalutazione delle pensioni) o per 5 anni (contributo di solidarietà), vede l’INPS emettere la circolare 122/2018 che preannuncia rivalutazioni alle pensioni, secondo lo schema della lontana legge 388/2000.

Evidentemente qualcosa non quadra e la paradossale conseguenza sarà che tutti i titolari di pensioni superiori a 1.522 euro/lordi/mese si vedranno un lieve aumento del valore mensile della pensione… e subito dopo troveranno un taglio “netto” della loro pensione, con conseguenti conguagli negativi da gennaio 2019 fino al mese di emissione della nuova circolare.

Quando faranno insomma i primi tagli ed i relativi recuperi sulle somme impropriamente erogate da gennaio 2019 in poi?

Ah, saperlo….saperlo !!!

Aggiungiamo una piccola riflessione.

Per evitare incazzature inevitabili da parte della platea dei pensionati sarebbe bastato che l’INPS non scrivesse la circolare n. 122 il 27 dicembre scorso ma aspettasse la vigenza della legge 145/2018.

Noi che cattivi siamo (Leonida e i Suoi 300) siamo convinti che, all’interno dell’INPS una “MANONA” ossia una grande e nascosta “MANO” abbia fatto questo scherzetto al governo gialloverde.

Non solo ma, dato l’attuale caos dirigenziale in casa INPS (nomine dirigenziali incomplete e giochetti di corridoio) è verosimile che la nuova circolare INPS RELATIVA AI TAGLI DAL 2019 IN POI cada a ridosso delle elezioni europee 2019, con ovvia ribellione dei pensionati colpiti ed ovvio effetto disastroso sul governo gialloverde. Non potrà che essere così visto che il 33% dei denari buttati nel reddito di cittadinanza viene TOLTO, BRUTALMENTE TOLTO, dalla TASCHE di Noi pensionati.

Ma ai 5Stelle & C., Noi pensionati ricordiamo che  la nostra memoria è protetta da una antica dea greca, figlia di Urano (il cielo) e di Gea (la terra),  la dea Mnemosine.

Tutti Noi pertanto memorizzeremo per sempre i nomi di chi ci ha voluto male e ci ha fatto danno!

Leonida, 08.03.2019

(la pubblicazione la potete trovare in questo sito – Sezione “Documenti” in data 07.03.18. Inoltre potete trovare nella Sezione “LEGGI e DECRETI” la Circolare INPS nr. 122)

 

Verbale 1° Assemblea APS-Leonida del 19.01.19

PENSIONATI : E’ ORA DI PASSARE ALL’ATTACCO !

         Era strapiena, sabato 19/01/19 mattina, la sala Magellano dell’Hotel Four Points di Padova (ex Sheraton, PD Est). Li aveva chiamati a raccolta l’APS-LEONIDA, l’associazione pensionistica triveneta, sorta nel lontano Dicembre 2013.   

A raccolta, per informarli dei tagli alle loro pensioni, prodotti dalla legge di stabilità 2019, ossia dal governo giallo-verde. Nuovi tagli (triennali quelli sulla rivalutazione) e quinquennali (quelli sul contributo di solidarietà). Sala piena, gente in piedi, ma attenzione altissima. In premessa, il Segretario dei Leonida -Stefano Biasioli – ha chiarito il motivo “familiare” dell’assenza del Presidente Mencarelli e ha rapidamente fatto il riassunto dei temi dell’incontro. La parola è poi passata a Pietro Gonella, che in modo analitico e puntiglioso ha ricordato i lunghi mesi (Agosto-Dicembre 2018) di continua aggressione “scritta e verbale” contro le cosiddette “pensioni ricche” e ha quantificato con tabelle molto chiare il danno pluriennale a carico di ciascuna fascia pensionistica, nel triennio (2019-2021, parziale rivalutazione) e nel quinquennio (contributo di solidarietà, over 100.000 euro/lordi/anno) e  infine- cosa fondamentale – l’irreversibilità dello stesso danno, per il titolare della pensione e per il suo superstite…continua a leggere QUI

Complimenti a Pietro Senaldi ! (Editoriale su Libero, 29.11.17)

 

Caro Direttore,

complimenti a Pietro Senaldi e al Suo editoriale del 29 Novembre:  “CHIUDIAMO l’INPS: si prende i contributi e non dice che ne fa”.

Ha riassunto in un articolo quello che NOI PENSIONATI INPS ex INPDAP e INPS-INPS sosteniamo da anni. Ossia che il bilancio INPS è drogato e falso. Drogato perché inserisce voci assistenziali come se fossero previdenziali. Falso perché mescola assistenza e previdenza, a caso, senza focalizzare SPECIFICI e SEPARATI CAPITOLI di SPESA/ENTRATA: da un lato la previdenza VERA, dall’altro, l’assistenza vera e mascherata.

Anni fa BRAMBILLA aveva brillantemente dimostrato che, nel bilancio INPS, la voce PREVIDENZA (“vera previdenza”) è in PAREGGIO se non in attivo (se includiamo l’IRPEF) e che il rosso dell’INPS è legato alle decine di voci assistenziali, sottofinanziate (ed in ritardo) dai governi di turno. Boeri non ha fatto, in questi anni, una gestione corretta ed ha rivendicato per sé un ruolo politico, in molteplici occasioni.

Ringrazio SENALDI, anche a nome di un cospicuo drappello di pensionati , racchiuso sotto i vessilli di LEONIDA . In questi anni, insieme ai sodali di FEDERSPeV, Forum pensionati, CONUP, Pensionati ferrovie, Pensionati CISAL, DIRSTAT ecc. abbiamo attivato decine di cause a tutela delle nostre pensioni, taglieggiate massicciamente dai Governi Letta, Renzi e Gentiloni.  Ci sono stati tolti migliaia di euro, dal 2012 in poi, in nome di che? Del “presunto” buco INPS, della solidarietà intergenerazionale, dei richiami della UE.

Il 25 Ottobre scorso la Consulta ci ha dato torto, ma siamo curiosi di leggere le argomentazioni che stanno alla base di una sentenza “politica” e non “giusta”.

Già tagli ai pensionati, ma non tagli a tutti (pensionati ed attivi ) a parità di reddito. Se le motivazioni fossero esatte. Ma non lo sono.

Ebbene oggi NOI – PENSIONATIESASPERATI – (si veda il sito omonimo!) chiediamo a gran voce ai politici di SEPARARE l’ASSISTENZA dalla PREVIDENZA e di fare chiarezza nei bilanci INPS, prima che l’INPS venga fatto fallire, con i noti pretesti (Boeri, Cazzola e C.).

Direttore, il Suo giornale ci darà una mano ? Stiamo raccogliendo le firme per una petizione sulla separazione tra assistenza e previdenza. E’ disponibile a pubblicare il nostro appello ?

Comunque sia, un grazie a LEI ed a SENALDI.

Stefano Biasioli

-Medico in pensione.- Uno dei Leonida

Testo integrale di Senaldi (Libero 30.11.17)