Verbale 1° Assemblea APS-Leonida del 19.01.19

PENSIONATI : E’ ORA DI PASSARE ALL’ATTACCO !

         Era strapiena, sabato 19/01/19 mattina, la sala Magellano dell’Hotel Four Points di Padova (ex Sheraton, PD Est). Li aveva chiamati a raccolta l’APS-LEONIDA, l’associazione pensionistica triveneta, sorta nel lontano Dicembre 2013.   

A raccolta, per informarli dei tagli alle loro pensioni, prodotti dalla legge di stabilità 2019, ossia dal governo giallo-verde. Nuovi tagli (triennali quelli sulla rivalutazione) e quinquennali (quelli sul contributo di solidarietà). Sala piena, gente in piedi, ma attenzione altissima. In premessa, il Segretario dei Leonida -Stefano Biasioli – ha chiarito il motivo “familiare” dell’assenza del Presidente Mencarelli e ha rapidamente fatto il riassunto dei temi dell’incontro. La parola è poi passata a Pietro Gonella, che in modo analitico e puntiglioso ha ricordato i lunghi mesi (Agosto-Dicembre 2018) di continua aggressione “scritta e verbale” contro le cosiddette “pensioni ricche” e ha quantificato con tabelle molto chiare il danno pluriennale a carico di ciascuna fascia pensionistica, nel triennio (2019-2021, parziale rivalutazione) e nel quinquennio (contributo di solidarietà, over 100.000 euro/lordi/anno) e  infine- cosa fondamentale – l’irreversibilità dello stesso danno, per il titolare della pensione e per il suo superstite…continua a leggere QUI

Pensioni, ecco perché il governo sta sbroccando

su StartMag.it

L’intervento di Stefano Biasioli

Il blog dei 5S ha etichettato come “imbarazzante” il gilet giallo indossato dal Prof. Poerio alla trasmissione “Piazza pulita” di Formigli (giovedi 10/01/19).

In realtà di “imbarazzante” c’è stato il comportamento di Gianluigi Paragone, parlamentare dei 5S.

Paragone ha attaccato pesantemente il Prof. Poerio, all’inizio del suo intervento. Lo ha attaccato “perché portava il gilet giallo”.

In un paese libero, ciascuno indossa ciò che crede, purché non dia scandalo. E il “gilet giallo in questione” era indossato sopra un vestito di ottima fatta. Perciò, dove stava lo scandalo?

Non pretendiamo che l’ex direttore de “La Padania”, Paragone, conosca la storia pensionistica italiana. Ma, poiché si è comportato in modo strafottente, noi di Leonida gli ricordiamo alcune cose.

I primi che hanno indossato il GILET GIALLI non sono stati i francesi anti-Macron. Ma I PENSIONATI FEDERSPEV che, nel lontano 4 dicembre 2013, sono scesi in piazza – davanti a Palazzo Chigi- indossando i gilet gialli e imbracciando un bastone, in segno di protesta contro i tagli alle loro pensioni, varati dal governo di allora. ….continua a leggere QUI

Articolo di F. Facci su “Libero” del 09.01.2018 a pag. 5

Complimenti a Filippo Facci per lo splendido articolo di ieri (mercoledì 9 gennaio) dedicato a «TUTTE le FANFARONATE di Luigi DI MAIO».

Il buono Facci, ora, ne dovrebbe scrivere uno analogo su Matteo SALVINI.

NOI PENSIONATI dell’APS-Leonida abbiamo messo oggi su Facebook e WhatsApp questo breve messaggio:

«SALVINI FREGATO !

Salvini si è fatto fregare dai 5S su: PENSIONI – MIGRANTI – TAV – ASSISTENZIALISMO al Sud e SINTI.

I suoi elettori del Nord lo ringraziano di cuore per averli traditi!

E, soprattutto, lo ringraziamo NOI PENSIONATI (dell’APS-Leonida), PENSIONATI TRIVENETI DOPPIAMENTE TRADITI.

Grazie di cuore… »

Stefano Biasioli

PER I DISATTENTI

Il Supplemento Ordinario alla G.U. 304/2018 (31/12/18) contiene la LEGGE 145/2018, ossia il “Bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2019 e il bilancio pluriennale per il triennio 2019-2021”.

Come al solito si tratta di un solo articolo, con centinaia di COMMI.

I COMMI che riguardano i TAGLI PENSIONISTICI vanno dal n° 260 al n° 269.

In sintesi:

c. 260:  TAGLIO della RIVALUTAZIONE AUTOMATICA delle pensioni;

c. 261:  IL CONTRIBUTO di SOLIDARIETA’ per le pensioni over 100.000 euro lordi/anno;

c. 261:  La rivalutazione automatica del c. 261, ai sensi dello Art. 34,c.1, della legge 448/1998

c. 263:  Le pensioni totalmente contributive sono escluse dai tagli (!)

c. 264:  Gli organi costituzionali si adeguano

c. 265:  Presso l’INPS viene istituito un ” FONDO RISPARMIO sui trattamenti pensionistici di importo elevato” (!)

c.266:  Viene fatto un periodico accertamento delle risorse “scippate”.

c. 267:  Clausola di salvaguardia (l’importo pensionistico complessivo dopo l’applicazione dei c. 261-262-263 non può essere inferiore a 100.000 euro lordi/anno.

c. 286:  Nessun taglio alle pensioni di invalidità, ai superstiti e alle vittime del dovere e del terrorismo.

c. 269:  Il contributo datoriale per la previdenza complementare della PA va versato ai singoli Ministeri (!?).

NOTA BENE:   trovate il testo integrale della Legge 145/2018 e le Tabelle dei tagli pensionistici nella Sezione “DOCUMENTI”  di questo sito.

1° gennaio 2019

Sul finire del 2018 è stata faticosamente approvata la LEGGE di STABILITÀ per il 2019.

Centinaia di commi mai discussi nelle commissioni parlamentari e approvati a colpi di fiducia, in meno di 24 ore. Nihil sub sole novi !

Ma mai, come questa volta, il Parlamento è stato esautorato dall’esecutivo che ha ripetutamente cambiato il testo,negli ultimi 4 mesi,  sotto le pressioni della UE e per effetto delle lotte interne al governo giallo verde.

Nessun vero dibattito parlamentare e varo entro la fine di Dicembre, a colpi di VOTI di FIDUCIA. Naturalmente, senza leggere le centinaia di commi (nella versione finale) il “buon ” Mattarella ha subito firmato la legge.

Una legge che taglieggia, ancora una volta, i PENSIONATI. Tanto per cambiare.

In questo sito, nelle varie sezioni (soprattutto in quella dei “DOCUMENTI“) trovate il dettaglio della manovra, i commenti alla stessa e le tabelle esplicative.

Vi invitiamo a leggerle con attenzione !

SABATO 5 GENNAIO 2019

Invio a tutte le e-mail presenti nell’archivio dell’APS-LEONIDA della LETTERA di CONVOCAZIONE dell’ASSEMBLEA LEONIDA del 19.01.19. La riportiamo qui di seguito.

Comunicato 1° APS-LEONIDA 03.01.19

NB) Oggi, viene pubblicato, su STARTMAGAZINE.IT, l’ultimo articolo di Stefano Biasioli sul tema pensionistico.

Che cosa sta combinando il governo sulle pensioni – L’intervento di Stefano Biasioli

Alla fine la verità: il governo ci rapina !

Finalmente oggi 20.12.2018 il governo gialloverde ha tolto la maschera. Dopo aver per mesi dichiarato che non avrebbe messo le mani nelle tasche degli italiani e soprattutto dei pensionati, la finanziaria 2019 dimostra invece che – per far cassa – ritorna il contributo di solidarietà (per 3 anni, e per gli over 100mila euro/lordi/anno) e continua per altri 4 anni la parziale indicizzazione delle pensioni.

CONTRIBUTO DI SOLIDARIETÀ

Il taglio è quantificato in 76milioni per il 2019, in 80milioni per il 2020 e in 183milioni per il 2021.

IN TOTALE UN SALASSO DI 339milioni sulle chiappe di almeno 25.000 pensionati. La cifra rubata è pari a circa 13.560 euro nel triennio, ossia 4.520 euro /anno, ossia  347,70 euro/mese. GRAZIE SALVINI !

PARZIALE RIVALUTAZIONE DELLE PENSIONI

Durerà 4 anni e sarà articolata per fasce pensionistiche dai 1.531 euro/lordi/mese in su. Coinvolgerà almeno 2.608.000 pensionati di cui 760.000 circa con pensione lorda superiore a 3.000 euro/lordi/mese.

IL FURTO TOTALE PER QUESTI 2,6 MILIONI DI PENSIONATI È PARI A 253milioni di euro per IL SOLO 2019 ossia (tanto al chilo!) circa 97 euro di mancata rivalutazione annua, che avrà effetto negativo per l’intera vita pensionistica del titolare e anche della sua superstite.

PER DETTAGLI IMMEDIATI VEDERE LE TABELLE:

LADRI, BUGIARDI, FALSIFICATORI: 3 aggettivi per questo governo

FALSIFICATORI

No, non aspettiamo il varo di questa legge finanziaria 2019, raccontata a parole ogni giorno per almeno 90 giorni, scritta e riscritta per almeno 10 volte, sulla base degli input della UE, approvata in pochi giorni (senza vera discussione, anzi senza una discussione reale, dato il voto di fiducia), in modo assolutamente scandaloso, come mai era avvenuto dal 1946 ad oggi , in 70 anni!.

No, non aspettiamo il varo di questo prodotto puzzolente, per esprimere il nostro sdegno, anzi la nostra sacrosanta incazzatura.

Questo sarebbe il “governo della novità”, il “governo del popolo”, il governo “trasparente” ? Questo? …   CONTINUA A LEGGERE LADRI BUGIARDI FALSIFICATORI_3 aggettivi per questo governo -19.12.18

Grande successo dell’Assemblea del 14 Dicembre a Milano

Premessa:

Teatro stracolmo. Più di 1000 persone.

Tantissimi i soci delle 15 associazioni del FORUM.

Interrotti in continuo dagli applausi gli interventi del Presidente Poerio, del Coordinatore Seracini e del rappresentante di Leonida.

Stampa e TV presenti in massa.

L’ Assemblea ha approvato una mozione che oggi stesso sarà sul tavolo delle maggiori Autorità dello Stato, Presidente della Repubblica compreso.

In attesa di potervi inviare maggiori documenti dell’Assemblea, con anche  il testo della Mozione, riporto qui sotto l’intervento del Coordinatore nel quale sono  esplicitamente entrati i militari e gli aeronaviganti.

Testo completo dell’ Intervento Dott. Seracini

Intervento del Prof. Michele Poerio a Milano

14 Dicembre 2018

Cari amici,

nonostante il brevissimo tempo avuto per organizzare questa manifestazione  provocata dall’esigenza di dare un segnale politico (la legge sul taglio delle pensioni d’oro è in discussione al Senato) sono soddisfatto nel constatare la vostra numerosa presenza.

Da oltre 25 anni (dal D.lgs. Amato 503/92) noi pensionati continuiamo a subire “bastonate” che hanno determinato un enorme abbattimento del potere di acquisto delle nostre pensioni.

Solo in  8  degli ultimi 11 anni  la rivalutazione delle nostre pensioni è stata variamente bloccata ed abbiamo subìto per due trienni contributi di solidarietà. Ed ora dovremmo subirne un altro per 5 anni con il prolungamento dell’abbattimento della perequazione?

CONTINUA A LEGGERE… Intervento Prof. Michele Poerio

 

LA RISCOSSA DEI PENSIONATI

Iniziata a Verona (20/10/18) riparte da Milano la riscossa dei pensionati dorati o d’oro. Ossia dei pensionati che, dopo essere stati taglieggiati dal 2008 al 2016,  lo saranno ancora per tanti altri anni, per colpa del governo giallo- verde.

1200 pensionati erano presenti oggi al Teatro San Babila a Milano.

Tutti insieme: Cida, Confedir, Forum Pensionati, Assidiplar, Leonida etc . 1200 delegati in rappresentanza di 850.000 DIRIGENTI pubblici e privati, MEDICI, notai militari prefetti…

Tutti  incazzati contro il governo tagliapensioni, taglia diritti acquisiti. Un governo che taglia la certezza dei diritti acquisiti ossia il patto contratto con i cittadini in tema di pensioni. “TU MI PAGHI UN TRIBUTO E IO TI GARANTISCO LA PENSIONE…”.

Una promessa infranta, dal 2008 in poi….dai governi Berlusconi, Monti, Letta, Gentiloni- prima- e, ora, dal governo giallo-verde.

In governo che ruba a chi ha duramente lavorato, ha fatto carriera, ha pagato i tributi fino all’ultima lira e all’ ultimo euro. PER ESSERE POI COLPITO A TRADIMENTO.  PENSIONATI INSULTATI E DERUBATI… PER REGALARE  DENARI A CHI NON HA MAI LAVORATO, per sfortuna o per colpa.
Ma, questi soggetti sfortunati andrebbero aiutati con le tasse di tutti e non con o soldi rubati ai pensionati, che hanno fatto le formichine, per decenni.

E’ ORA DI FINIRLA !

NOI PENSIONATI CHIEDIAMO A MATTARELLA DI DARCI UNA MANO, non firmando la legge che taglierà  le nostre pensioni!

Il Presidente ci aiuterà?

Se non lo farà…. ci  faremo sentire… impugnando la legge in Italia e in Europa e votando, a Maggio, per cambiare questo andazzo  iniquo…!
Lenin