Articoli vari sul DDL taglia pensioni…

…un commento brevissimo…

Finalmente la stampa di oggi, 14 /8 2018, contiene una serie di articoli (Repubblica, Corriere, La Verità, L’Arena etc)… li trovate nella Sezione “Documenti” di questo sito… sul DDL D’Uva/Molinari, articoli che danno ragione a quanto da Noi scritto dal giorno 8 agosto in poi.

  • I 2 proponenti non conoscono la materia ed hanno creato un mostro pensionistico, con distonie tra relazione introduttiva e testo del DDL;
  • Di Maio blatera di ricalcolo sul retributivo ma non conosce né  la materia né il testo del DDL, che prevede un taglio secco e permanente basato sulla età al pensionamento rispetto alla età di vecchiaia… con regole retroattive, svincolate dai contributi versati;
  • Salvini non conosceva il testo e non si è ancora accorto che lo stesso è scritto su carta intestata dei 5S ;
  • la confusione regna sovrana…..ma i tagli previsti dal DDL massacrano la base elettorale della Lega e portano pochi denari alla base elettorale dei 5S;
  • Governo giallo-verde: un governo di sprovveduti sui problemi legati alle pensioni, alla assistenza ed al lavoro.

Cosa sarà di Noi ?
Lenin

Le pensioni e il ddl Lega-M5S. Chi sono i parassiti?

Pubblicato su Formiche.net il 13.08.18

Scritto da Stefano Biasioli  – PastPresident CONFEDIR – Segretario APS-LEONIDA – Presidente FEDERSPeV Vicenza

Non si tratta di ricalcolo ma di una penalizzazione secca, prodotta da un criterio discutibile ed arbitrario. Vengono colpite soprattutto le donne, i militari e tutti coloro che hanno anticipato la pensione. L’analisi di Stefano Biasioli   Leggi qui il testo completo

 

11.08.18 il Prof. Alessandro Mazzucco ha scritto…

E’ veramente triste ritrovarsi dopo una vita intera spesa nella sua interezza a lavorare senza risparmiarsi, esclusivamente nella erogazione di servizi a favore della collettività, di aver assistito nel corso degli ultimi 20 anni al declino del valore delle proprie retribuzioni, per arrivare al momento del pensionamento (subito, mai desiderato) con la elargizione di un assegno infinitamente inferiore a quello che potevano godere i nostri predecessori, adesso vedersi trattati come dei ricconi che sottraggono risorse alla povera gente! Vergogna! Io ho pagato 52 anni di contributi.

Ho già inviato all’INPS la richiesta di rendiconto contabile dei miei contributi, che Vi girerò non appena in possesso della ricevuta di ritorno.
Considerato che questi personaggi parlano di considerare nella loro ricontabilizzazione anche i contributi ENPAM, dai quali riceviamo null’altro che una piccola mancia, mi domando se non sia il caso di inviare analoga richiesta anche a quest’altro Ente. Ne potrebbe risultare che i contributi versati a questo, senza avere un adeguato ritorno, dovrebbero essere utilizzati per il calcolo del monte contributi pagati ai fini INPS.
Comunque chi sostiene operazioni di questo genere è disgustoso.
Cari saluti.
Alessandro Mazzucco

Il Taglio dei vitalizi

…lettera aperta…

In questi giorni il Consiglio di Stato, con apprezzata tempestività, ha fornito alla Presidente del Senato Elisabetta Casellati il richiesto parere circa la riforma dei cosiddetti vitalizi spettanti ai parlamentari cessati dal mandato.

E’ da constatare, innanzitutto, la coraggiosa coerenza della Presidenza del Senato che,  di fronte alla richiesta di applicare una “giustizia sommaria” contro gli ex-parlamentari, ha saputo e voluto affrontare l’argomento nel rispetto delle leggi in vigore (siamo cioè arrivati al punto che bisogna avere  coraggio per dire la verità e agire  rispettando le regole). Oggi, infatti, si è orgogliosi di essere ignoranti, perchè non solo non si sa (normale e logico per i nuovi arrivati), ma si desidera non sapere (l’arroganza ha sostituito la ricerca del sapere, la voglia di conoscere, l’umiltà dei capaci) per timore di legarsi al passato e soprattutto poter risolvere (?) i problemi con assoluta discrezionalità e senza vincoli.

Il Consiglio di Stato ha chiarito, risolvendo alcuni dubbi interpretativi, che i “vitalizi” si possono, nel rispetto di alcune regole e principi, tagliare e ridurre e che gli Organi interni di Camera e Senato possono decidere sull’argomento (non è indispensabile, cioè, una legge).

Il Consiglio di Stato, però, ha detto anche molte altre cose. In particolare che: -le decisioni degli Organi interni del Parlamento sono equiparabili a leggi ordinarie e quindi sottoposte al giudizio di legittimità della Corte Costituzionale (ultimo baluardo ad ogni tipo di abuso o arbitrio); -i tagli devono essere temporanei, collegabili a situazioni dimostrabili di contingenza e eccezionalità, basati su criteri di ragionevolezza e proporzionalità, non arbitrari o variamente discrezionali ( non, cioè, “punitivi” per un servizio svolto). I “vitalizi” (quelli vecchi, perché dal 2012 sono stati aboliti) si possono, perciò, ridurre bilanciando sia il rispetto delle regole in vigore al momento della loro maturazione sia ogni altro rilevante principio costituzionale (solidarietà, equità, ecc.). Il Consiglio di Stato, quindi, da una parte ha dato il “via libera” ai tagli, fissando principi e paletti da rispettare, dall’altra ha reso evidente l’arbitrarietà della decisione già presa dalla Camera.

Ma questo non è tutto, perché se passasse il principio (finora mai applicato) che si possono ricalcolare col sistema contributivo (sulla base, cioè,  dei contributi effettivamente versati) le pensioni  già in  erogazione  (calcolate come percentuale degli ultimi stipendi percepiti) nessuno degli attuali pensionati  potrebbe essere tranquillo. Dopo le prime ore di grande allegria per i tagli dei “vitalizi” dei parlamentari, infatti,  tutte le pensioni in erogazione sarebbero modificabili, perché sono tutte “vitalizi”(calcolate, cioè, sulla base degli ultimi stipendi percepiti). I dipendenti pubblici (infermieri e insegnanti in particolare) andati in pensione dopo 19 anni di contributi e percependo subito la pensione, gli artigiani, i commercianti, i coltivatori diretti, i dipendenti privati non godono certamente della pensione sulla base dei contributi versati. Risulta che per pareggiare entrate e uscite (contributi e pensioni) servirebbe come aliquota contributiva: il 36% per i dipendenti privati, il 60% per i pubblici, il 33% per gli artigiani, il 21% per i commercianti, l’80% per gli agricoltori, il 10% per i professionisti. Rischiamo, perciò,  per prendersi una bella soddisfazione (fare, cioè, un dispetto agli ex parlamentari), farsi molto male. Senza contare, infine, che in futuro il parlamentare lo potrà fare o il disoccupato (non ha niente da perdere, ma tutto da guadagnare) o chi se lo potrà permettere per propri e rilevanti redditi o patrimoni (un’altra categoria sarà quella che in vari modi dovrà arrangiarsi, pensando anche al proprio futuro). Proprio come prevedeva lo Statuto Albertino del 1848 che fissava gratuito il mandato parlamentare , a completamento del fatto che votava solo chi aveva un certo reddito (il 2% della popolazione). Se è questo che si desidera, saremo accontentati, ritornando a prima del 1911. Quell’anno, infatti, permettendo a tutti di votare ed essere eletti furono previste le indennità anche differite (i “famigerati” vitalizi).

Vogliamo o no, finalmente, accorgersi che è in corso un feroce attacco alla politica, anche a quella Buona, che tutela i più deboli, la qualità dei servizi pubblici, contro abusi e soprusi. Quando saremo consapevoli, sarà, però, forse troppo tardi.

Luciano Falcier ex parlamentare

IL DDL VERDE-GIALLO CHE TAGLIERA’ LE PENSIONI: vecchie e nuove

A cura di Stefano Biasioli

PREMESSA

È stato depositato alla Camera (7/08/18) il DDL “verde-giallo”” (Molinari-D’Uva) che, secondo la volontà di DI MAIO e C. taglia le pensioni in essere per recuperare risorse da usare per “integrare le pensioni al minimo”.

Si tratta di quel furto pensionistico promesso da Di Maio ai suoi elettori, fin dai tempi della campagna elettorale. Su questa promessa i 5S hanno recuperato voti, soprattutto al Sud.

Novello Robin Hood, Di Maio toglierà, ancora una  volta, soldi ai pensionati “ricchi” per regalarli ai pensionati “poveri”. Si tratta dell’ennesimo scippo pensionistico, che dovrà essere comunque avallato e da Mattarella e dalla Corte Costituzionale. Come in precedenza, NOI dell’APS LEONIDA reagiremo a questa ennesima beffa economica, basata su presupposti solidaristici fasulli. Le nostre pensioni sono legate ai contributi quarantennali da Noi versati e non sono “regalie dei potenti”.

Faremo vedere a chi ci ha definito “parassiti” che siamo ampiamente in grado di reagire e di saperci difendere.

IL DDL (presentatori R. Molinari e F. D’Uva)

Le informazioni sul DDL in questione sono state tratte da un articolo del Sole24ore (8/08/18, pag. 15, autore Davide Colombo) che qui riassumiamo. Ancora una volta, il giornale della Confindustria ha avuto la visione di un testo legislativo in anteprima. Noi, lo pubblicheremo integralmente appena sarà disponibile alle persone normali.

Il DDL consta di 6 articoli; i presentatori sono Riccardo MOLINARI (Lega) e Francesco D’UVA (5S). Perciò, sia Lega che 5S concordano sul testo e sui tagli pensionistici. Meditate, gente, meditate…!

Il DDL IDENTIFICA 3 TIPOLOGIE PENSIONISTICHE da COLPIRE.  Le abbiamo riassunte in A, B, C.

A) NUOVE PENSIONI POST 01/01/2019

Verranno calcolate moltiplicando la QUIESCENZA MATURATA CON METODO RETRIBUTIVO per UNA FRAZIONE costituita, al numeratore, dal COEFFICIENTE di TRASFORMAZIONE all’ETA’ del PENSIONAMENTO e, al denominatore, dal COEFFICIENTE di TRASFORMAZIONE valido per l’ETA’ PREVISTA per il PENSIONAMENTO da VECCHIAIA.

In breve:   QUIESCENZA MATURATA x Coeff. trasformazione ETA’ al PENSIONAMENTO/ Coeff. trasformaz. ETA’ VECCHIAIA.

B)  PENSIONI VIGENTI PRIMA dello 01/01/1996 (Riforma Dini)

Ad esse verrà applicata una CORREZIONE ATTUARIALE, usando i vecchi coefficienti di trasformazione – ex legge 335 – in vigore fino all’anno 2009.

NB) In pratica, si ricalcolano le pensioni, retroattivamente (!!!!).

C)  PENSIONI VIGENTI POST 1/01/1996 (Riforma Dini)

Verranno RICALCOLATE sulla base di una TAVOLA costruita dalla coppia Boeri-Patriarca.

Si tratta di una tavola (che non conosciamo), ricostruita , delle ETA’ di PENSIONAMENTO da VECCHIAIA, scomputate degli ADEGUAMENTI alla SPERANZA di VITA, risalendo dal 2019 fino al 1970.

Se non abbiamo capito male, il ricalcolo riguarderà i coefficienti di trasformazione degli anni 1970-1980 e le eta’ , alla decorrenza, inferiori ai 57 anni. In sostanza:

1) IL RICALCOLO RIGUARDERA’ la QUOTA PENSIONISTICA SUPERIORE a 80.000 euro lordi annui (totale di pensione INPS più altre pensioni; esempio ENPAM).

2) Dal ricalcolo sono escluse le pensioni di invalidità, reversibilita’, terrorismo.

3) Il ricalcolo non potra’ ridurre pensioni o vitalizi sotto il valore di 80.000 euro lordi/anno.

4) In caso di pensionamenti con meno di 57 anni, il coefficiente di trasformazione non potra’ essere inferiore a quello dei 57 anni.

5) Entro 6 mesi dalla vigenza della legge, il ricalcolo verrà applicato anche ai PENSIONATI degli ORGANI COSTITUZIONALI o di RILEVANZA COSTITUZIONALE.

OBIETTIVO del DDL : recuperare 500-600 milioni annui, per integrare le pensioni al minimo.

Per l’utilizzo di questi denari verrà istituito un FONDO dedicato, non gestito dall’INPS ma dal Governo (la cifra pertanto verrà sottratta al “monte previdenziale” e trasferita altrove per fare “assistenza”.

Secondo l’Associazione TABULA (presieduta da Stefano Patriarca, amico di Tito Boeri) il provvedimento legislativo dovrebbe colpire circa 100.000 pensionati (quelli over 80.000 euro lordi annui) e servirebbe a recuperare circa 500-600 milioni annui.

Noi dell’APS LEONIDA abbiamo fatto un piccolo calcolo, grossolano:

600.000.000 : 100.000 = 6.000 euro/anno = 500 euro/mese x 12 mesi.

500.000.000 : 100.000 = 5.000 euro/anno = 416 euro/mese x 12 mesi.

È però evidente che il DANNO PENSIONISTICO PERPETUO sarà in realtà minore o maggiore:

-minore per i redditi da 80 a 100.000 euro lordi anno

-maggiore per quelli superiori ai 100.000 euro lordi anno.

COMMENTO FINALE 

Per un commento completo, Vi preghiamo di leggere le amare considerazioni espresse dal “nostro Leonida” Pietro Gonella.

In sintesi: ennesimo scippo – pesante e perpetuo scippo -, a danno dei pensionati “che hanno pagato quarantennali contributi per avere  una pensione equa”, ed a favore di gente che non ha pagato contributi pensionistici o li ha pagati in minima parte.

Si tratta di milioni di persone (almeno 4.000.000 dei 5.060.000 con pensione di vecchiaia inferiore a 1000 euro netti/mese; ossia dei 4 milioni con “pensioni sociali” al minimo INPS) ossia di gente “assistita” che non ha mai lavorato, ha lavorato poco, ha evaso…..quindi non ha versato contributi sostanziosi come Noi. Non ha versato contributi, quindi vive di assistenza statale.

Ebbene, costoro dovrebbero essere “aiutati” in altro modo: con TASSE PROGRESSIVE di SCOPO, a carico – in modo proporzionale ed uguale, a parità di reddito – di TUTTI I CONTRIBUENTI (attivi o pensionati) e NON SOLO dei PENSIONATI di una certa fascia.

Se il contributo di solidarietà ha colpito la fascia sopra i 90.000 euro lordi/anno negli anni 2014-2016, adesso il Governo Verde-Giallo abbassa il tiro fino alla fascia 80.000 euro lordi/anno. Ci chiediamo inoltre se dal 01.01.2019 ripartirà o meno la rivalutazione totale delle nostre pensioni, bloccata – come sapete – dal 2012 al 31.12.2018.

Questo DDL è significativo del POPULISMO di QUESTO GOVERNO, che disconosce chi ha lavorato per favorire/proteggere/ottenere il voto di un “mondo tributariamente opaco”.

NOI IMPUGNEREMO LA LEGGE, in tutte le sedi costituzionalmente possibili.

NOI PENSIONATI ABBIAMO GIA’ DATO : dal 2008 in poi (soprattutto dal 2012 ad oggi) siamo gia’ stati taglieggiati in nome di oscuri “favori assistenziali”.

NON STAREMO ZITTI !

N.B.

Per ulteriori dettagli leggere l’intero articolo del Sole 24Ore del del 08.08.18 dedicato al tema. Vedi: SEZIONE “DOCUMENTI” . Per leggere il testo completo del DDL verde-giallo vedi: SEZIONE “Leggi e Decreti” di questo sito.

_______________________________________________________________

Di seguito inseriamo il commento al DDL scritto dal nostro iscritto APS-Leonida, Dott. Pietro Gonella

Primi commenti sul PdL per il taglio delle c.d. “Pensioni d’oro”

Gli estensori dell’operazione di Ricalcolo Contributivo a POSTERIORIcercano di superare il sicuro futuro vaglio della legge in fieri da parte della Corte Costituzionale con un’articolata argomentazione che ritiene/considera la stessa conforme ai “principi di solidarietà, eguaglianza, proporzionalità, ragionevolezza”

Sono queste soltanto enunciazioni prive di validità sostanziale per i seguenti motivi:

  1. Perché non si prendono a riferimento tutte le posizioni pensionistiche in essere, ad esclusione di quelle di importo al minimo?;
  2. Perché 1.700.000 pensionati baby e simili, che hanno versato contributi nemmeno per il 20-30% rispetto alle prestazioni ricevute, non vengono toccati (eppure godono di oltre 1.000 euro di pensione al mese. Un prelievo di 50 euro/mese, pari a 600 euro/anno, comportano un risparmio di 1 miliardo!)?
  3. Perché non vengono toccate le pensioni non superiori a 80.000 euro annui, senza previo accertamento dello squilibrio tra contributi versati e prestazioni rese (hanno versamenti contributivi mediamente non superiori al 50/60%)?
  4. Perché si continua a mischiare Previdenza e Assistenza, andando a contaminare la destinazione specifica dei contributi versati verso la Previdenza (l’Assistenza è, e deve essere, a carico della fiscalità generale con la quale vanno coperti anche gli squilibri tra contributi e prestazioni di cui ai precedenti punti 2. e 3.)?

Il PdL non è affatto “improntato sulla solidarietà e sulla equità sociale” come afferma il Capogruppo della Lega a Montecitorio. Il PdL crea ulteriore e ancor più pericolosa confusione tra Previdenza e Assistenza ed alza le pensioni minime a chi ha versato zero, o quasi, contributi: esempio davvero virtuoso verso la tanto decantata, e forse troppo abusata, “meritocrazia” assunta a bandiera dai grillini fin dai primi tempi del loro apparire!

Rileggere comunque le mie riflessioni del 18 e 26 luglio u.sc. sull’argomento.

Prepariamoci da subito per la battaglia, anzi per la guerra.

Pretendiamo di avere, come abbiamo chiesto con Racc. A.R. all’INPS, l’estratto contributivo relativo alla intera vita lavorativa.

8 agosto 2018                                               Pietro Gonella

Adesso ci si mette anche Salvini a prendersela con le “pensioni d’oro” !

Domanda?  Quali sono le pensioni d’oro? Quelle legate ai legittimi contributi versati, senza possibilità di evadere, dai dipendenti pubblici, per 40 anni ed oltre?

a) Quelle dai 2500 euro netti in su? Quelle dai 350 euro netti in su?  Quelle dai 4000 euro netti in su? Si tratta di pensioni retributive, contributive o miste legate/dovute a regole quarantennali, non decise dai pensionati ma dai governi italiani….

O si tratta, invece, 

b) delle pensioni di invalidità, delle pensioni assistenziali, delle babypensioni, delle pensioni legate a scatti di carriera (alla fine della carriera stessa ), delle pensioni date ai cinquantenni (per meriti…vari) ?.

Lo dicano, Salvini e Di Maio, una volta per tutte. Ci rivelino l’arcano, soprattutto scrivendo in un DDL cosa intendono fare.

Quale persecuzione continuino a proporre per i pensionati «d’oro» (???), già taglieggiati (mancata rivalutazione, contributo di solidarietà) dal 2008 in poi, soprattutto dal 2012 in poi. Taglieggiati dai Governi Berlusconi, Monti, Letta, Renzi, Gentiloni…ed ora dal governo giallo-verde.

Con che obiettivo? Con l’obiettivo di massacrare chi ha pagato per 40 anni ed oltre i contributi versati . Chi non ha mai evaso le tasse anche perché (dipendente pubblico) non le ha potute evadere. A differenza di tanti che, avendo denunciato falsamente bassi redditi, si trovano ora  a fruire di pensioni pari a 2 o 3 volte il minimo INPS.

Per non parlare di coloro (49,5% degli italiani) che non pagano tasse, per decine di motivi diversi.

Invece di andare a controllare costoro (invalidi veri e falsi; coloro che vivrebbero con la sola pensione del padre, del nonno e del coniuge deceduto); invece di andare a stanare categorie intere di evasori totali o parziali, anche SALVINI e DIMAIO se la prendono con i “soliti noti”, con i pensionati…..che non possono scappare da questa Italia, ingiusta.

Perché delle due, l’una.

Se Qualcuno decide di regalare altri denari assistenziali a chi non ha versato contributi (perché non ha lavorato o perché  ha evaso) ….Se Qualcuno decide che bisogna aiutare i 4.000.000 di italiani in povertà, l’arma da usare è una sola.

LE TASSE PER TUTTI. TASSE UGUALI, A PARITÀ di REDDITO.

Tasse uguali per pensionati e lavoratori attivi. Anche se, tanto per essere chiari, i PENSIONATI ITALIANI PAGANO TASSE IN  UNA PERCENTUALE SUPERIORE ALLA MEDIA UE. …!  Per un totale di 43 miliardi di euro/anno.

Che Di Maio sia un populista che deve soddisfare la “fame” dei suoi elettori del Sud, era noto.

Ma che Salvini voglia “spogliare” il suo elettorato pensionistico del Centro-Nord appare incomprensibile. A meno che…

A meno che il calore della   “careghetta” (poltroncina) romana non gli abbia “fuso” il cervello!

Stefano Biasioli

DECISIONE 10/19 luglio 2018 -Corte Europea dei diritti dell’uomo

Decisione 10/19 luglio 2018, prima sezione, della Corte europea dei diritti dell’uomo.  Ricorsi n. 27166/18 e 27167/18 di Aielli ed altri 10.058 ricorrenti contro l’Italia.

Sentenza AIELLI ET AUTRES c. ITALIE

La decisione è stata di irricevibilità, per manifesta infondatezza dei ricorsi.

Sulla formula del dispositivo adottata, si rammenta che l’art. 35 della Convenzione, dopo aver indicato ai commi 1 e 2 le condizioni di ricevibilità dei ricorsi, prevede altresì che la Corte dichiari irricevibile il ricorso se ritiene che esso sia “manifestamente infondato o abusivo”.

È stato questo, appunto, il caso.

Veniamo ora alla motivazione della sentenza, racchiusa in sole 5 pagine coerentemente con la formula di «irricevibilità per manifesta infondatezza» adottata dalla Corte.

I ricorrenti avevano fatto leva su due argomenti a loro favore.

a) avevano invocato la violazione dell’art. 1 del protocollo n. 1 della Convenzione, che tutela il rispetto del diritto di proprietà (nella sua giurisprudenza, la CEDU considera i trattamenti pensionistici pertinenti a tale norma della Convenzione);

b) l’interferenza dello Stato sul godimento del diritto alla pensione (sul meccanismo di perequazione) nel caso all’esame vi è stata, ma tale interferenza era giustificata da un’utilità pubblica, per l’attuazione di prevalenti politiche sociali ed economiche;

c) circa il profilo della proporzionalità, la Corte osserva che vanno valutati tutti gli elementi concorrenti nel contesto in causa, non soltanto il mero dato quantitativo, cioè la percentuale della riduzione. Questa, relativamente ai ricorrenti, era progressivamente di 1,62%; 2,16%;2,43% e 2,7% ed è stata ritenuta dalla Corte “non significativa”. Il contesto economico particolarmente difficile e le risorse limitate dello Stato italiano, esposto al rischio di apertura di un procedura per deficit eccessivo da parte della Commissione europea, hanno giustificato l’interferenza. Inoltre, secondo la Corte l’art. 1, prot. 1, CEDU non garantisce l’intangibilità del trattamento pensionistico per gli anni a venire (vengono citati i precedenti: Cichopek ed altri c. Polonia; Da Conceicao Mateus e Santos Januario c. Portogallo).

Alla seconda censura, la Corte si è limitata ad osservare che:

a) l’art. 6, c 1, della Convenzione non reca alcuna garanzia di diritto sostanziale;

b) comunque, non vi è stata un’interferenza del legislatore, mediante il DL n. 65/2015, nei processi pendenti tale da influenzarne l’esito, poiché i ricorrenti hanno potuto effettivamente contestare l’applicazione del decreto stesso davanti ai tribunali nazionali senza alcuna interferenza.

Conclusione: niente di nuovo sotto il sole. E’ confermata la tendenza giurisprudenziale manifestata negli ultimi anni dalla Corte.

L’art.1, prot. 1, della Convenzione sul rispetto del diritto di proprietà reca il limite delle “ragioni di pubblica utilità” per le quali gli Stati contraenti possono incidere su tale diritto.

Il contenzioso davanti alla Corte sulle prestazioni di sicurezza sociale (welfare) pur ammesse dalla stessa Corte in un’interpretazione ampia del concetto di tutela della proprietà, si caratterizza però per riconoscimenti sostanziali assai limitati, negli anni più recenti, a causa della negativa congiuntura economica.

In numerose pronunce, come questa in commento e quelle citate sopra, la particolare gravità della crisi economica-finanziaria degli Stati è stata ritenuta ragione sufficiente a giustificare misure riduttive dei trattamenti previdenziali o assistenziali, purché rispondenti a criteri di ragionevolezza e proporzionalità.

In sostanza, la Corte attribuisce agli Stati contraenti un certo margine di discrezionalità e la possibilità di intervenire sul welfare, laddove vi siano esigenze di interesse collettivo e le risorse siano limitate.

Devono però essere rispettati i principi di ragionevolezza e proporzionalità.

Tagli di importo eccessivo e non plausibile, o discriminatori (cfr. anche l’art. 14 della Convenzione recante il divieto di discriminazione) non potrebbero – presumibilmente – ricevere il via libera dalla CEDU.   

Alleghiamo inoltre l’articolo del Consigliere di Giunta UNPIT – Riccardo Borserini che sarà riportato sul sito UNPIT ed inviato ai media.

Sentenza Cedu-Correttezza politica e rigore giuridico

La leggenda delle Pensioni d’oro

di STEFANO LORENZETTO/L’Arena 15.07.18

L’ARENA/Controcronaca – Come è nata la leggenda delle pensioni d’oro. Da un titolo, comparso nel 1974 su un giornale del pomeriggio per censurare uno scandalo, si è arrivati alla caccia alle streghe di oggi. Brutta faccenda quando lo Stato si rimangia i patti stipulati con i cittadini.

(Il testo integrale lo trovate nella Sezione “Documenti” con data 15.07.18)

 

CONSIDERAZIONI e RIFLESSIONI sulla operazione di eventuale “Ricalcolo Contributivo”…

…delle pensioni cosiddette «Pensioni d’oro»

  1. “GOLPE di STATO” del mondo della “ASSISTENZA” sul mondo della “PREVIDENZA”. Il Governo giallo-verde vuole usare i contributi versati dai lavoratori a favore di chi non ha mai lavorato o ha fatto il fannullone. Se lo Stato vuole dare a costoro una pensione lo deve fare con risorse erariali e non con risorse contributive destinate alla copertura delle future pensioni di chi ha sgobbato una intera vita.
  2. Se così avverrà, lo STATO (democratico) di DIRITTO verrà cancellato da uno STATO (populista) SOCIALE che punta a far trionfare sentimenti di odio e di invidia tra i membri della comunità nazionale, anziché sentimenti di pacifica e responsabile convivenza civile.
  3. Per quanto sta succedendo, vi è la necessità di fare un CENSIMENTO del numero delle pensioni che vengono erogate con versamenti contributivi pari a ZERO (chiosa: tutte le pensioni integrate al minimo, per insufficienza dei contributi versati, comportano un esborso erariale di 21 miliardi di euro all’anno! Se non è questo già da tempo, da oltre 40 anni, un “reddito di cittadinanza”???!!!!).
  4. Vi è inoltre la necessità di fare un CENSIMENTO volto ad effettuare un’operazione di trasparenza/conoscenza/informazione atta ad indicare/evidenziare la quota (la percentuale) di pensione che risulta coperta dal coacervo dei contributi versati, il c.d. Montante Contributivo (sommatoria dei contributi versati rivalutati alla data del pensionamento).
  5. Al riguardo, non può tacersi, ad esempio, che la platea di alcune categorie, quali ferrovieri e postelegrafonici, è “foraggiata” dall’erario: rispettivamente per 4 miliardi e per 1 miliardo, a motivo del fatto che i contributi versati dai lavoratori dei relativi settori attualmente in attività sono largamente insufficienti per l’erogazione delle pensioni in atto.
  6. Il programma governativo dei 5stelle mirante a colpire le c.d. “pensioni d’oro” modifica in corsa – attraverso il “Ricalcolo Contributivo” – le regole/norme vigenti al tempo dell’andata in pensione (è come se un arbitro di calcio, senza avvertire i giocatori prima dell’inizio della partita, fischiasse un calcio di rigore in caso di fallo in qualsiasi zona del campo e non solo in area di rigore). È questo un grave e pericoloso vulnusal principio dello “affidamento” (leale ed etica relazione) Stato/Cittadino da un lato ed al principio del “tempus regit actum” dall’altro.
  7. Il prospettato “Ricalcolo Contributivo” da parte del Governo non può – al fine di rispettare e non violare il precetto dell’articolo 3 della Costituzione ed al fine di essere credibile – non interessare/riguardare tutti i pensionati (anche, pertanto, le c.d. pensioni baby che sono numericamente tantissime e riguardano, ad esempio, insegnanti che, dipendenti dello Stato, sono andate in pensione in pensione a 31-32 anni di età con 14 anni 6 mesi e 1 giorno di contributi e che percepiranno la pensione per oltre 50 anni in rapporto alle loro aspettative di vita, cumulando oltre 600.000,00 euro di pensione a fronte di non più di 100.000,00 euro di contributi). Il “Ricalcolo Contributivo” delle pensioni in atto, se giuridicamente possibile, va effettuato in maniera generalizzata e universale, con riferimento cioè a tutte le posizioni pensionistiche in essere. In tal caso sarà verificato che le c.d. “pensioni d’oro” sono quelle dalle quali esita il più alto tasso (80/85%) di copertura contributiva, senza tacere che hanno pagato e continuano a pagare l’aliquota fiscale marginale massima – 43% – al pari di quanto fatto per decenni in costanza di rapporto di lavoro.
  8. Le modalità e i criteri del prospettato “Ricalcolo Contributivo” non sono a tutt’oggi note. Quel che è certo è che si verificherà, per i dipendenti statali, un vero e proprio busillis. Come si potrà infatti fare il “Ricalcolo Contributivo” in assenza del relativo database cartaceo o informatico che sia, database che è esistente soltanto dal 1996 in avanti? Per il periodo precedente lo Stato ha solo calcolato ma non versato i contributi di propria competenza (iscrivendoli/riportandoli tra i Conti d’Ordine in Entrata e in Uscita!).
  9. A seguito delle risultanze di simile mastodontica operazione di eventuale ricalcolo, andranno toccate anche le pensioni di importo superiore al minimo per rispetto del principio di uguaglianza di cui all’art. 3 della Costituzione, con la conseguenza che molte delle stesse dovranno quasi sicuramente essere ridotte al disotto dell’importo minimo: in tal caso dovrà scattare l’intervento integrativo da parte dello Stato attraverso la fiscalità generale.
  10. In presenza di una GENERALIZZATA e UNIVERSALE OPERAZIONE di “Ricalcolo Contributivo” non potranno essere ignorate le percentuali risultanti dal rapporto importo dei contributi versati = Montante Contributivo/importo della pensione corrisposta. Le c.d. “pensioni d’oro” esiteranno la percentuale più elevata del rapporto in parola. Così non sarà di certo per i ferrovieri, per i postelegrafonici, per i titolari delle pensioni baby e per tante altre categorie.

Firmato: il Direttivo dell’APS-LEONIDA – 18 luglio 2018

SIAMO CENTOMILA VITTIME SACRIFICALI… DIFENDIAMOCI!

Stavolta ci siamo.

Dopo cinque anni di continue, ossessive e minacciose campagne mediatiche, il Governo ha annunciato un disegno di legge che mira al ricalcolo retroattivo, al ribasso, delle pensioni che stiamo percependo, assurdamente ritenute “un privilegio”.

Non di tutte, per il momento, ma solo di quelle che eccedono una soglia, che originariamente nel “contratto di governo” era stata identificata in 5000 euro netti mensili, ma che nelle ultime settimane è diventata di 4000 euro netti mensili. Naturalmente, vista la finalità sottesa alla decurtazione (finanziare il reddito di cittadinanza) non si esclude che tale soglia possa, in futuro, scendere ulteriormente, in funzione dell’enorme quantità di denaro che questo Governo vuole reperire per ripagare il consenso degli elettori.

Con questa legge verrà introdotto in materia previdenziale un precedente, inaudito ed abnorme, che renderà possibile, in futuro, intervenire su tutte le pensioni, anche su quelle più basse, riducendole per ricavare le risorse via via necessarie a finanziare le iniziative populiste delle forze politiche in carica.

Se così sarà, dovremo abdicare alla concezione che il nostro è uno Stato nel quale il cittadino può fare affidamento sul principio di certezza del diritto.

Il taglio, assai rilevante, fa seguito ad una serie di altre decurtazioni, susseguitesi dal 2011 ad oggi, che hanno pesantemente inciso sul potere d’acquisto dei pensionati.

I tagli hanno finora riguardato esclusivamente i pensionati, risparmiando tutte le altre categorie di reddito, in barba ad ogni istanza di equità che pure rappresenta il principio cardine della nostra Costituzione repubblicana.

Sono stati puniti i pensionati, colpevoli di aver lavorato e versato tasse e contributi per tutta la vita (nel paese con l’evasione fiscale più elevata d’Europa) perché ritenuti, come appare evidente, una categoria meno capace di mobilitarsi, più arrendevole, elettoralmente meno “pericolosa” e quindi più facile da “spennare”.

Il Ministro Di Maio, in versione “Robin Hood”, vuol far pagare a pensionati che hanno puntualmente versato elevati contributi stabiliti dalla legge, durante la vita lavorativa, i costi del reddito di cittadinanza che sarà elargito a chi non lavora, non versa contributi, non paga imposte sul reddito ma ha il “merito” di aver contribuito al successo elettorale del M5s.

Questi pensionati, non soltanto hanno subito elevate trattenute previdenziali sulla retribuzione, ma hanno altresì grandemente contribuito, con oltre un terzo del proprio reddito da lavoro dipendente, prelevato dal Fisco, al benessere dei cittadini italiani mediante il sostegno alla spesa pubblica per sanità, istruzione, assistenza sociale e altro, per tutta una vita lavorativa. E contribuiscono tuttora, copiosamente, attraverso l’elevato prelievo fiscale sul reddito da pensione.

Questi (non i candidati al reddito di cittadinanza) sarebbero però “parassiti sociali” secondo la sprezzante e sleale definizione del Ministro del lavoro.

Ci siamo sforzati, in questi anni, di reagire a manovre di questo tipo per difendere, non solo il nostro reddito da pensione, ma anche, e soprattutto, la nostra dignità calpestata dalla politica.

Abbiamo impugnato leggi che ritenevamo inique, ricorrendo fino alla Corte costituzionale ed alla Corte europea dei diritti dell’uomo.

Agiremo in giudizio anche contro questa legge, ben consci che se non riusciremo, questa volta, ad ottenere ragione vorrà dire, purtroppo, che in Italia non vi è più la certezza del diritto e che la nostra Costituzione repubblicana è ormai lettera morta.

La norma che si intende introdurre, infatti, finirà per essere una delega in bianco e definitiva al Governo ed all’I.N.P.S. per ogni taglio alle pensioni di cui si ravvisi in futuro la necessità o anche semplicemente l’opportunità, per compiacere l’elettorato.

Centomila saranno i percettori di trattamenti pensionistici candidati al prelievo forzoso. Prelievo forzoso che si delinea come permanente, assumendo le caratteristiche di un vero e proprio esproprio.

Non possiamo rimanere inerti di fronte ad un’ingiustizia e ad un pregiudizio di tale enormità: si impone una larga partecipazione al ricorso che dovrà assumere le dimensioni di una vera e propria “class action”, trasformandosi finalmente in una protesta di massa e travalicando la dimensione giudiziale.

Occorre che tutti ci mobilitiamo: è indispensabile la partecipazione attiva di tutti i soggetti interessati che dovranno impegnarsi nella diffusione capillare della protesta e dell’azione tra le centomila vittime designate, molte delle quali potrebbero essere ancora inconsapevoli della grave ed inaudita ingiustizia che il governo sta perpetrando ai loro danni.

Lorenzo Stevanato (Magistrato Amministrativo in pensione) – Arturo Ennio Orsini (Direttore sanitario in pensione)  Padova, 17.07.18